ULIAS scrive ad ANIA il rischio è l’implosione della sez. E

ULIAS scrive ad ANIA il rischio è l’implosione della sez. E

Il presidente di ULIAS  Sebastiano Spada scrive al presidente di ANIA Maria Bianca Farina per aprire un tavolo di crisi .

                                                                                                            Spett.le            ANIA

                                                                                                         alla c.a. del        Presidente

Maria Bianca Farina

Roma, 30/03/2020

 

Gentilissima Presidente,
Le scrivo innanzi tutto per complimentarmi per tutte la attività che ANIA e le imprese assicuratrici aderenti, hanno messo in campo per fronteggiare il grande momento di difficoltà, che noi Italiani stiamo vivendo a causa del CODIV-19.

Chi le scrive è Sebastiano Spada, in qualità di Presidente di ULIAS, l’Unico Sindacato nato a sostegno degli Intermediari Assicurativi di Sez.E, ad oggi ben 177 mila!

La presente anche per richiamare la Sua attenzione sulle iniziative economiche, sostenute da alcune imprese, a sostegno della propria rete di distribuzione, per permettere loro di affrontare più agevolmente questo periodo alquanto anomalo.

Sicuramente sono delle iniziative lodevoli, e mi auguro che siano di esempio anche per le altre Imprese di Assicurazione che operano in Italia, ma il mio timore è che tali iniziative non siano adeguatamente proporzionate al momento storico. Infatti si cominciano a registrare sul territorio alcune criticità nel poter operare, che destano non poca preoccupazione. Mi spiego meglio: dei 204 mila intermediari iscritti al RUI nelle varie sezioni, sono 177 mila la sez. E, ossia la rete secondaria delle compagnie. Laddove non dovesse arrivare un sostegno adeguato, il rischio è l’implosione della sezione, che creerà un effetto domino, coinvolgendo agenti, broker e compagnie di assicurazione, trascinando tutti in vortice di crisi che il sistema non ha mai vissuto.

Mi rivolgo al Lei, nella qualità di presidente dell’ANIA, affinché si possa aprire un tavolo di crisi, con le istituzioni, il cui scopo sia quello di monitorare gli effetti del COVID19 sulla redditività degli Intermediari, trovare risposte e dare loro soluzioni immediate, per scongiurare qualsiasi rischio di collasso.

Fiducioso che oggi più che mai, il principio di mutualità, proprio delle assicurazioni, sia dimostrato verso la sez. E così da essere di esempio tangibile anche per tutti i clienti.

In attesa di un Suo cortese cenno di riscontro alla presente, colgo l’occasione per porgereLe cordiali saluti.

Condividi su...