Lettera di fine anno del presidente di ULIAS Sebastiano Spada agli aderenti

Lettera di fine anno del presidente di ULIAS Sebastiano Spada agli aderenti

Caro collega,

con il 31 Dicembre 2020 si conclude l’anno associativo in ULIAS.

Mi sembra quindi doveroso fare insieme a voi una sintesi dell’intensa attività sindacale svolta in questo 2020, caratterizzato dall’arrivo della pandemia con il virus denominato Covid-19.

Un pensiero innanzi tutto è rivolto a tutti quei colleghi che hanno perso un familiare a causa del virus, e a tutti coloro che sono ricoverati o che vivono un momento difficile.

Vi sono vicino, Vi siamo vicini .

In quest’anno cosi orribile, essere Soci di un Sindacato come ULIAS ha fatto la differenza.

Per ULIAS l’essere presenti con un’assistenza continua a tutti gli associati, è stata un prova superata con grande successo. Immaginate che sono nel periodo del Lockdown in segreteria sono arrivate oltre 100 chiamate.

Ma ripercorriamo alcune delle tappe significative.

09 Marzo 2020 circolare n. 1 – Per fare fronte alla diffusione del “coronavirus”, il Ministero della salute ha pubblicato la Circolare n. 3190/2020, con la quale indica le linee guida destinate agli operatori, che per ragioni lavorative, vengono a contatto con il pubblico. ULIAS le ha interpretate, suggerendo ai propri aderenti come comportarsi in questi casi e creando per loro una convenzione ad oc per i prodotti disinfettanti, certificati e in linea con il D.Lgs. 81/2008, grazie al quale gli intermediari hanno continuato a lavorare e a tutt’oggi di superare, senza sanzioni e denunce, i controlli delle autorità competenti.

11 Marzo 2020 circolare n. 2 – Vengono fornite le locandine da affiggere nei locali degli intermediari, così da poter comunicare alla clientela, in modo chiaro e senza equivoci, gli obblighi e i comportamenti da mantenere all’interno dei propri locali.

25 marzo 2020 – Con una comunicazione ufficiale, richiamiamo l’attenzione degli aderenti ad Ulias e ai colleghi della sez.E, su alcuni atti ed episodi di sciacallaggio, perpetrati da parte di alcuni agenti, nei confronti di alcuni sub-agenti loro collaboratori.

27 marzo 2020 – Un’altra comunicazione molto importante, inizialmente data agli aderenti e poi resa pubblica anche agli altri colleghi del settore, che con il decreto legge ” Cura Italia “ è possibile anche per gli intermediari di sezione E fare richiesta all’INPS del  bonus di € 600,00, dedicato alla Partite Iva. Si precisa che inizialmente i lavoratori di questo settore erano stati esclusi.  Si danno inoltre indicazioni sulla necessità di munirsi del PIN di 16 cifre per avviare la pratica e come comportarsi nel caso non se ne sia in possesso. Numerosissime sono state le richieste di assistenza, a cui è stato dato l’aiuto necessario, naturalmente con priorità agli aderenti ULIAS.

30 marzo 2020 – Noi, è grazie a Voi che giornalmente abbiamo il polso del territorio, e dopo aver visto le numerose segnalazioni di disagi economici, che arrivano da tutta Italia, soprattutto dai territori più colpiti, abbiamo inviato una lettera al Presidente dell’ANIA, affinché si possa aprire un tavolo di crisi che includa anche la sez. E. Questa lettera, inviata prima privatamente poi è stata resa pubblica per sensibilizzare anche le Compagnie, tanto che alcune di esse hanno incluso anche gli intermediari di sezione E negli aiuti erogati a sostegno della rete.

Inoltre dello stesso periodo è la firma del protocollo d’intesa tra  Fesica Confsal e Ulias, al fine di regolamentare le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro; contiene le linee guida condivise tra le Parti per agevolare le imprese nell’adozione di misure di sicurezza anti-contagio.

4 maggio 2020 –  Tutto il Paese entra nella FASE II, e noi di ULIAS, grazie al supporto di alcuni tecnici esperti del settore, abbiamo realizzato tre KIT di Protezione e disinfezione, cosicchè l’intermediario,  in autonomia ha potuto attivare tutte quelle procedure per il contrasto alla diffusione del covid-19, e  i  clienti entrando nei nostri uffici hanno visto piantane porta gel, segnaletiche orizzontali e verticali  con la dicitura  ”CI STA A CUORE LA TUA SALUTE “ e  #iosonounservizioessenziale.

Poche azioni, ma azioni chiare, visibili, semplici, corrette e concrete.

7 Maggio 2020 – Dopo aver analizzato la normativa emessa dal Governo per aiutare le piccole e medie imprese, abbiamo notato che era presente un Vizio di forma che escludeva alcuni codici Ateco K. ULIAS si è attivata e Grazie ad un emendamento, presentato in Parlamento dall’on. Fausto Raciti viene inserito, come beneficiari anche il codice ATECO 662203 della sezione K, nel Fondo Centrale di Garanzia e quindi dando anche a loro la possibilità di chiedere il prestito garantito dallo stato con il decreto legge Cura Italia

ULIAS è l’unico sindacato in Italia per gli iscritti di sez. E, e la valenza del ns operato si evince anche dalle 192 richieste di assistenza, da parte di colleghi in difficoltà, ricevute nell’arco del 2020. E alcune di queste, con problematiche importanti, sono arrivate ad Agosto,  durante la chiusura della segreteria per la pausa estiva,  e grazie all’attivazione del servizio SOS ULIAS, abbiamo tempestivamente potuto tamponare il danno, e dare agli associati ULIAS hanno ricevuto immediatamente assistenza,  mentre i non soci sono stati ricontattati al rientro dalla pausa estiva.

Chiudiamo un 2020 con la pandemia che ha inciso profondamente sulla nostra vita privata e sulle nostre attività. Un anno pieno di attività sindacale per ULIAS in difesa degli aderenti, ma con la consapevolezza che siamo un servizio essenziale. Ci rendiamo conto di avere una grande responsabilità nei confronti della categoria, tanto che abbiamo accelerato la realizzazione del progetto “Digital Innovation Sub Agency” già presentato a Milano durate il VI meeting ULIAS.

Stiamo per immetterci in un 2021 che si prospetta complicato, ma naturalmente Noi ci stiamo impegnando per dare ai ns associati tante belle novità. Tra i più importanti c’è il Digital Innovation Sub-Agency, con un un sistema che ci permette di far firmare i modelli 3 e 4 e la privacy in modo semplice e veloce tramite OTP. Ciò ci darà molteplici i vantaggi nella gestione delle ns sub-agenzie e della ns clientela, permettendoci di guardare alle innovazioni digitali non più come una minaccia, ma come una reale possibilità di far parte a pieno titolo del comparto assicurativo evoluto.

Quest’anno cosi complicato per alcuni colleghi assistiti da ULIAS sono arrivate buone notizie, il riconoscimento del TFR  (  Trattamento di Fine Rapporto ) una somma degna di essere chiamata cosi , un riconoscimento degno per il prezioso lavoro eseguito durante il rapporto di collaborazione con l’agenzia.  

Colgo l’occasione per ricordare che la campagna di rinnovo adesione è già partita e si concluderà il 31 Gennaio 2021, termine ultimo per mantenere lo status di associato e con esso tutte le opportunità riservate agli aderenti a ULIAS. 

Se invece sei tra i numerosi colleghi che già hanno aderito per il 2021 ti ringrazio perché tutto è stato e sarà possibile grazie a tuo sostegno  e alla tua fiducia.  

 

Nell’ augurarti un 2021 pieno di tante gratificazioni personali e professionali ho il piacere di comunicarti che anche  quest’anno ULIAS ha aderito alla campagna “NO AI BOTTI, SI AI BISCOTTI” nel rispetto dei nostri amici a quattro zampe,  che hanno sofferto insieme a noi in questo 2020 cosi complicato. A Capodanno non spariamo botti. Un piccolo gesto,  ma pieno di significato. Un grazie speciale alla nostra collega Silvia Todaro e alla sua Carlotta.

 

Augurandovi un buon fine anno a voi e i vostri cari famigliari colgo l’occasione per porgervi i più affettuosi saluti. 

Il presidente

Sebastiano Spada   

 

Condividi su...